RIFERIMENTI::REFERENCES

Le animazioni del film sono state tratte da // animations taken from:
A3_cover dvd
(“foglio di sala” in italiano per le proiezioni, da scaricare e stampare. pensato per un formato A3)

“ceuta: muore annegato un 16enne alla frontiera d’europa”
“ceuta: 16 years old boy drowned at the european border”
fortress europe 02.03.2011;
http://fortresseurope.blogspot.fr/2011/03/ceuta-muore-annegato-un-16enne-alla.html

28.02.2011, Ceuta
La guardia Civil Spagnola recupera il corpo senza vita di un ragazzo subsahariano, che ha tentato di entrare a nuoto nell’enclave spagnola di Ceuta, situata in territorio marocchino. Si ipotizza che avesse 16 anni. Di lui non si conoscono nè il nome nè l’origine.

28.02.2011, Ceuta
Spanish Guardia Civil recover the dead body of a subsaharian boy. He was trying to swim inside the Spanish enclave of Ceuta, situated in Moroccaean territory. They suppose he? may be around 16 years. We don’t know anything about his name or origin.

“tra le due sponde, storie da lampedusa”
“between the two sides, stories from lampedusa”
michele primi, e il mensile, september 2011;
http://www.eilmensile.it/2011/09/21/laltra-lampedusa-tra-le-due-sponde/

“Mohsen Lihidheb è il postino di Zarzis (Tunisia). Dal 1993, ogni giorno dopo il suo turno alle poste, percorre i 150 chilometri di spiagge tra Ras Jdir e Djerba, e raccoglie tutto quello che il mare riporta a riva. Il suo Museo della memoria del mare è un monumento a cielo aperto alle storie dei migranti. Contiene oltre 150mila oggetti.” Tra questi oggetti, i lacci che i migranti mettono in bocca per facilitare la salivazione, in mancanza di acqua potabile.
“Vincenzo Lombardo è l’ex custode del cimitero di Lampedusa (Italia). Dal 1996 ha creato spontaneamente un cimitero dove seppellisce i migranti morti nel tentativo di raggiungere l’isola. «Mi dicevano: perché metti la croce? Quelli sono musulmani. Ma Dio è uno solo, e ha fatto la terra per tutti: bianchi e neri, cristiani e musulmani».”

“Mohsen Lihidheb is the postman of Zarzis (Tunisia). Since 1993 after the shift at the posts,  he walks on the 150 km coast line between Ras Jdir and Djerba, collecting everything the sea washes to the banks – everyday. His memory of the Sea Museum is an open air monument to migrants stories. It contains 150miles objects.” between these objects there are laces, used by thirsty migrants to produce saliva, in lack of water.”
“Vincenzo Lombardo, former guard of Lampedusa cemetery (Italy). In 1996 he spontaneously created a cemetery to inhume migrants who died trying to reach the island. «Someone told me: why do you put a cross? They are Muslims! – But God is just one, and made the Earth for all: white and blacks, Christians and Muslims».”

“quegli uomini-tonno nel mare dell’indifferenza”
“those human-tuna fishes in the indifference sea”
francesco merlo, la repubblica 29.05.2007;
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2007/05/29/in-questa-gabbia-per-tonni-finita-la.html

Maggio 2007
Per tre giorni e tre notti, 27 migranti sono rimasti aggrappati a una rete per tonni in acque libiche.
Il peschereccio che la trainava, il Budafel, aveva paura di perdere il suo carico e non li ha soccorsi. Nemmeno i numerosi pescherecci che li hanno incrociati si sono fermati, mentre i governi libico, maltese e italiano si rimbalzavano la responsabilità del soccorso. Alla fine, dopo 3 giorni, è intervenuta la marina italiana e li ha portati in salvo.

May 2007
For 3 days and 3 nights, 27 migrant people are trapped in a tuna-fish net in Libyan waters. Budafel, the fishing boat towing it, was afraid about losing his tuna charge, and did not aid them. Not even the numerous other fishing boats passing stopped. Meanwhile, Libyan, Italian, Maltese governments were discussing about responsibilities on first aid without acting. Finally, after 3 days, Italian navy intervened and rescued them.

“chiusi nella stiva, muoiono soffocati”
“closed in the bilge (of the boat), they suffocated”
sciacca alfio, corriere delle sera 02/08/2011;
http://archiviostorico.corriere.it/2011/agosto/02/Chiusi_nella_stiva_muoiono_soffocati_co_8_110802031.shtml

2.08.2011, Lampedusa
La capitaneria di Lampedusa soccorre un peschereccio di 15 metri partito dalla Libia, su cui sono stipate 297 persone. Nella stiva di 2 metri per 3, vengono trovati i cadaveri di 26 persone, morte soffocate. Dai racconti dei superstiti, i 26 migranti hanno cercato di salire in coperta attraverso la stretta botola quando la stiva si è riempita di gas proveniente dal vano motore. Uno di loro è riuscito a salire ed è stato gettato in mare. Gli altri sono stati ributtati giù, per paura che la barca si ribaltasse, e chiusi nella stiva.

2.08.2011, Lampedusa
Lampedusa port authority assists a 15 meters long fishing boat  which had left (from) Libya with 297 people on board. Into the hold (2 x 3 meters) they find 26 corpses, dead by choking. Listening to survivors, the cargo hold started to fill with motor gas.so they tried to rise up to the deck, passing through the small hatch. One of them reached the deck but was thrown into the sea. The others were pushed down, because of the fear that the boat could capsize, and locked into the hold.

“lampedusa, tragedia nella notte 
barcone si inabissa, 250 dispersi”
“lampedusa, drama in the night, a barge (boat) sinks,
250 missing people” la repubblica 06/04/2011;
http://www.repubblica.it/cronaca/2011/04/06/news/lampedusa_naufraga_barcone_strage_immigrati-14584220/

6.04.11 Lampedusa
A 39 km da Lampedusa, in acque maltesi, naufraga un peschereccio di 13 metri con 370 persone a bordo, in gran parte eritrei e somali. Le motovedette italiane recuperano 48 persone ancora in vita. Le operazioni di soccorso continuano per tutta la notte, completamente al buio, ma il mare è in burrasca e i dispersi (uomini, donne e bambini) sono almeno 250.

6.04.11 Lampedusa
39 km offshore from Lampedusa, in Maltese waters, a fishing boat of 13 meters with 370 people – mostly Somalian and Etitrean – on board was found. Italian guard ships rescued 48 people alive. Help operations continue all the night long, totally in the dark. But the sea is stormy and almost 250 people remain missing (men, women, children).

“soccorso barcone con 44 migranti
donna partorisce nella traversata”
“barge with 44 immigrants rescued,
woman gives birth during the crossing”
corriere del mezzogiorno 11/11/2011;
http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/cronaca/2011/11-novembre-2011/soccorso-barcone-44-migranti-bordo-donna-un-neonato-1902126803615.shtml

11.11.11 Lampedusa
Un gommone alla deriva nel Canale di Sicilia viene soccorso dalla Marina Militare Italia. Tra le 44 persone a bordo, una donna somala di 39 anni che ha partorito una bambina durante i 4 giorni di traversata. La donna e la neonata sono state trasferite nell’ospedale di Agrigento.

11.11.11 Lampedusa
An inflatable raft astray in Canale di Sicilia is rescued by Italian navy. Among 44 people on board, there is a 39-year old Somalian woman who gave birth to a baby during the 4-days crossing. The woman and the baby were transferred to Agrigento hospital.

“rapporto finale di attività giugno-settembre 2011”
“final reporting of the activities june-september 2011”
faro – terres des hommes 2011;
https://docs.google.com/document/d/1o47pQg0DCj-Q-BrAia6zpeeg0wwywlRCErWY7Ewper0/edit?hl=en_US&pli=1

“Lampedusa. Base Loran (accoglienza minori)
Capienza: 200 (fonte Min. Interno)
Punte massime di presenze raggiunte: 450
La vicinanza al mare di questa struttura è il fattore che più crea panico e ansia tra i ragazzi che vi sono rinchiusi. In molti riferiscono di incubi legati al pensiero dell’acqua e di problemi respiratori dovuti alla tensione.
[…] Le condizioni igienico sanitarie sono deplorevoli.
Alla Loran i ragazzi risultano in un ‘limbo’.
[…] Il presidio medico dell’ente gestore non garantisce una copertura anche di tipo psico-sociale e psicologico , di cui invece i ragazzi avrebbero molto bisogno.”

“Lampedusa. Base Loran (minor shelter)
Capacity: 200 (source: Interior Minister)
Peak of people reached: 450
The closeness to the sea of this building creates panic and anxiety between guys penned there. A lot of them refer to nightmares due to thoughts on water and breathing problems due to tension.
[…] Sanitary and hygienical state is deplorable.
In the Loran, guys appear to be in a kind of Limbo.
[…] The managing authority hospital unity does not guarantee a psychic and social intervention.
That is actually what these guys would really need.”

“lampedusa, dieci immigrati ingoiano lamette
contro il rimpatrio”
“lampedusa, ten immigrants swallow razor blades
against the repatriation” il mattino 07/02/2009;
http://www.ilmattino.it/italia/cronacanera/lampedusa_dieci_immigrati_ingoiano_lamette_contro_il_rimpatrio/notizie/45514.shtml

7.02.2009 Lampedusa
“Sono almeno dieci gli immigrati ricoverati la notte scorsa al poliambulatorio di Lampedusa dopo avere ingoiato lamette e bulloni o avere tentato il suicidio impiccandosi con i loro indumenti. Uno di loro è stato trasferito d’urgenza a Palermo in nottata con l’eliambulanza del 118 a causa di profonde ferite alla trachea. Gli extracomunitari protestano per l’imminente rimpatrio deciso dal ministro, dell’Interno Roberto Maroni.”

7.02.2009 Lampedusa
“Almost 10 immigrants recovered at Lampedusa clinic last night, after ingesting blades and blots or trying to hang themselves with their clothes. One of them was transferred urgently to Palermo hospital during the night with an air ambulance for deep injuries in his trachea. Non-European people protest against their imminent repatriation decided by Italian Internal Minister Roberto Maroni.”

“foto choc, clandestini rimpatriati
con lo scotch sulla bocca sul volo roma-tunisi”
“photo choc, illegal immigrants repatriated with
sticky tape on the mouth on the rome-tunisi flight”
il fatto quotidiano 10/04/2012;
http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/04/18/clandestini-rimpatriati-scotch-sulla-bocca-volo-roma-tunisi-alitalia/205332/

18.04.12
Una passeggero del volo Roma-Tunisi pubblica su Facebook la fotografia di due uomini con i polsi legati con fascette di plastica e la bocca sigillata con il nastro adesivo marrone. Sono seduti sul volo di linea, scortati da 4 poliziotti in borghese. Secondo i poliziotti, interpellati dal passeggero che ha denunciato il fatto, si trata di “normale procedura di routine” per i rimpatri. I poliziotti sono sotto indagine per trattamenti inumani e abuso di autorità.

18.04.12
A passenger of Rome-Tunis flight published on Facebook the picture of two men linked by a plastic band on their wrists, with brown tape on their mouth. They sit on the national-company flight, guarded by 4 policemen in plain clothes. In police opinion – asked by the passenger who reported the fact – it is a “normal procedure” for repatriation. Policemen are under investigation for inhuman treatments and abuse of authority.

“harragas, les brûleurs de frontières”
“harragas, border burners”
saloua ben abda e wissem el abed,
editions encre d’orient 2011;
“no all’asilo, migrante si cuce le labbra”
“no to the asylum, migrant stitch up his lips”
l`unità 21/05/2010;
http://www.unita.it/italia/no-all-039-asilo-migrante-si-cuce-le-labbra-1.37469

21.05.10 Bologna
Una donna tunisina rinchiusa nel CIE di Bologna, si cuce le labbra per protesta, dopo che la sua richiesta di asilo in Italia è stata respinta.

21.05.10 Bologna
A Tunisian woman pent in Bologna Identification and Expulsion Center stitches her lips to protest, after her asylum request has been rejected.

“cie milano: assolto l’ispettore accusato
di violenza sessuale”
“cie milano: absolved the inspector accused
of sexual violation”
fortress europe 03/02/2011;
http://fortresseurope.blogspot.de/2011/02/cie-milano-assolto-lispettore-accusato.html

3.02.11, Milano
Il 13 agosto 2009 Joy, una ragazza nigeriana rinchiusa nel Cie di Milano, viene aggredita durante la notte dall’ispettore capo del centro, Vittorio Addesso. Stava dormendo sul suo materasso nel cortile, quando l’agente le è saltato addosso palpeggiandola. Alle grida di lei, il poliziotto ha risposto che era uno scherzo.
Due anni dopo, Addesso viene assolto dal tribunale di Milano dall’accusa di violenza sessuale.

3.02.11, Milano
On 13 August 2009 a Nigerian woman (Joy) pent in Identification and Expulsion Center in Milano gets attacked by the inspector of the Center, Vittorio Addesso. She was sleeping on her mat in the courtyard when the inspector jumped on her fondling her. When she started screaming, he answered it was a joke. Two years later, Addesso is acquitted from sexual violence accusation by Milano court.

“madre piccola”
“young mother”
cristina ali farah, ed. frassinelli 2007;

“le ventre de l’atlantique”
“the atlantic venter”
fatou diome, ed. anne carrière 2003;
“brevi dalla frontiera n°1”
“short news from the border no°1”
 fortress europe 27/07/2009;
http://fortresseurope.blogspot.de/2006/01/brevi.html

22.07.09 Londra
Sono tantissimi i migranti che si cancellano le impronte digitali bruciandosi le dita sui fornelli, tirando via strati di pelle con un coltello o usando l’acido. Viene fatto per non essere collegati ai propri precedenti penali. “Allo stesso modo, se una richiesta d’asilo presentata in uno dei paesi dell’Unione è stata respinta, anche gli altri paesi possono rifiutarsi di accogliere l’immigrato”.

22.07.09 London
Many migrants delete their finger prints burning their fingers on burners, drawing away layers of skins with a knife or using acids. They do that to not to be related with their penal precedents. “In the same way, if an asylum request is rejected by one of European Union country, other countries may reject it as well”.

“sedati. la croce rossa ammette: psicofarmaci
a ponte galeria”
“sedated. the red cross admits: psychotropic drugs in
ponte galeria identification center”
fortress europe 12/10/2009;
http://fortresseurope.blogspot.de/2009/10/sedati-la-croce-rossa-ammette-ponte.html

La Croce Rossa Italiana ammette il massiccio uso di psicofarmaci nel Cie di Ponte Galeria. “Non riusciamo a dormire, rinchiusi qua dentro tutto il giorno senza fare nulla, ci fanno impazzire” dicono i detenuti. La maggioranza dei reclusi fa richiesta di psicofarmaci – Diazepam (Valium), Lorazepam (Tavor), Lormetazepam (Minia) –, che vengono somministrati senza prescrizione medica da parte di uno psichiatra o di un servizio specializzato.

Italian Red Cross admits a massive use of psychopharmacological drugs in Ponte Galeria Identification and Expulsion Center. “We are not able to sleep, penned here all day doing nothing, they make us crazy” tell inmates. The main part of them ask for psychopharmacological drugs – Diazepam (Valium), Lorazepam (Tavor), Lormetazepam (Minia) – that are administer without any medical prescription by a psychiatrist or a specialized service.

“sulla protesta dei migranti eritrei a lampedusa”
“about the eritrean migrant protest in lampedusa”
askavusa.blogspot.com 23/07/2013

21.07.13 Lampedusa
Alcune centinaia di migranti detenuti nel CPSA di Lampedusa manifestano e occupano per una notte la piazza centrale del paese. Chiedono di non lasciare le impronte digitali, per non essere obbligati a restare in Italia dopo la procedura di identificazione (Dublino 2). Chiedono anche chiarimenti sui tempi di trasferimento, essendo molti di loro reclusi da più di 3 settimane senza ricevere alcuna informazione, stipati in 950 persone in una struttura che ne può contenere 350.

21.07.13 Lampedusa
Some hundreds migrants detained in First Aid and Reception Center in Lampedusa, demonstrate and occupy the main square of the village. They ask to not give finger prints because they don’t want to be forced to stay in Italy after their identification (Dublin II). They also ask for clarifications about transferring timing, as many of them are imprisoned since 3 weeks without any explanation, living with 950 persons in a building conceived for 350.

———————————————–

video e suoni trovati online // videos and sounds found online

“da una sponda all’altra: vite che contano”
published by patrizia mancini;
“haraga-st piere oran”
published by mousmous1987;
“haragas mostaganemois avec les dulphins”
published by saida kheira benammar;
“haraga oued rhiou guide yacine (boudjellah)”
published by nordinho57;
“haraga italia 2010”
published by khaled7732;
“lampedusa drammatico salvataggio”
published by tg1;
“naufragio a pantelleria le immagini esclusiva”
published by tg1

———————————————–

gli oggetti dei migranti trovati nelle barche
sono stati filmati nel
museo delle migrazioni di lampedusa e linosa
askavusa.blogspot.com
http://www.museodellemigrazioni.com

l’appello iniziale è parte della mobilitazione
“da una sponda all’altra, vite che contano”
di le venticinqueundici e delle madri dei tunisini dispersi
leventicinqueundici.noblogs.org

migrants objects found in the boats
were filmed in lampedusa and linosa
museum of migrations
askavusa.blogspot.com
http://www.museodellemigrazioni.com

the appeal at the beginning is part of
“da una sponda all’altra, vite che contano”
mobilization,
by le venticinqueundici
and tunisian dispersal’s mothers
leventicinqueundici.noblogs.org

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s